L'Ammiragliato a San Pietroburgo

L'Ammiragliato a San Pietroburgo: Quando, nel 1703, era stata costruita la Fortezza dei SS. Pietro e Paolo, Pietro I decise di creare alle foci della Neva un altro bastione per difendere la città. Ci si servi per questo scopo dei cantieri navali già in corso di costruzione (La casa dell'Ammiragliato). L'utilizzazione dell'Ammiragliato in qualità di fortezza ebbe un ruolo importantissimo nel successivo sviluppo urbanistico del centro della capitale. Le regole dell'ingegnerìa militare dell'epoca proibivano di costruire intorno alle fortezze degli obiettivi civili per evitare che il nemico, servendosene come riparo, potesse avvicinarsi alle mura della fortezza. Fu per questo che intorno all'Ammiragliato non fu costruito niente: rimasero dunque sgombri gli spazi di piazza del Palazzo, dell'attuale piazza dei Decabristi e di piazza del Ammiragliato, sulla quale negli anni 1870 fu impiantato un giardino, oggi intitolato allo scrittore Maxim Gorkij. Ma ritorniamo comunque nel primo Settecento. Nel novembre del 1705 qui fu costruita una fortezza in terra battuta. Poi venne rifatta più volte: dapprima, al posto delle case in paglia e argilla vennero costruite quelle in pietra, le quali però a loro volta subirono numerosi rifacimenti. Nel 1738 su progetto dell'architetto Ivan Korobov fu costruito lo stabile centrale e la torre che terminava con una guglia dorata. All'inizio del XIX secolo fu deciso un'ennesimo rifacimento dell'Ammiragliato. Il lavoro fu affidato all'architetto Andrian Zacharov.

L'attuale edificio dell'Ammiragliato fu costruito nel 1806-1823. La torre a quattro facciate che si leva sull'edificio è l'elemento dominante di tutto il sistema di piazze adiacenti all'Ammiragliato, punto d'incontro di tre arterie che a raggi arrivano all'Ammiragliato. La facciata principale, lunga ben 407 metri, è suddivisa da porticati a sei e dodici colonne. Zacharov rispettò fedelmente la pianta precedente dell'edifìcio e la vecchia guglia, coronata con una caravella-banderuola che s'innalza sulla città all'altezza di 72,5 metri (è lunga 192 centi-metri, alta 158, pesa 65 chili ed è fatta in fogli d'ottone dorato).

L'edificio è adornato con 56 grandi sculture, 11 rilievi, 350 stucchi, opera dei più famosi artisti dell'epoca. Le sculture della facciata dell'Ammiragliato sono ispirate alle glorie della Marina russa.

L'altorilievo sull'arco d'ingresso principale, dedicato alla costruzione della flotta russa, rappresenta il dio dei mari Nettuno che consegna a Pietro I il tridente, simbolo del potere sui mari. Accanto al dio dei mari si scorge Minerva, dea della sapienza, che si rivolge alla giovane donna assisa sotto un albero di lauro, simboleggiarne la Russia. La Russia si appoggia alla clava di Ercole (simbolo della forza) e regge il corno dell'abbondanza, sfiorato da Mercurio (dio del commercio e della navigazione), raffigurato sopra balle di mercanzie. Sopra questo altorilievo, agli angoli dell'ordine inferiore della torre sono collocate le figure scultoree di condottieri ed eroi dell'antichità: Achille, Aiace, Pirro e Alessandro il Macedone.

Il colonnato dell'ordine superiore invece, è decorato con 28 statue (una per colonna) che rappresentano i quattro elementi: Fuoco, Acqua, Aria e Terra; le quattro stagioni: Primavera, Estate, Autunno e Inverno; i quattro venti: Meridionale, Settentrionaie, Orientale e Occidentale; nonché le protettrici dei cantieri navali e dell'astronomia: Iside e Urania (ogni soggetto è ripetuto due volte).

Ai due lati dell'arco dell'ingresso principale sono collocate due composizioni monumentali (alte 11 metri). Ciascuno di questi gruppi scultorei, composto di tre ninfe, simboleggia la dea Ecate la quale, nelle sue tre diverse sembianze rappresenta Acqua, Terra e Cielo.

I frontoni dei portici laterali sono decorati con altorilievi: «Femida, dea della Giustizia, che onora il lavoro degli artisti (a destra della torre)» e «Femida che premia per le imprese militari e navali» (a sinistra della torre); la «Gloria che onora le gesta militari» (dalla parte di Piazza dei Decabristi) e la «Gloria che onora la scienza» (dalla parte della Piazza del Palazzo). L'allestimento scultoreo dell'Ammiragliato è opera degli insigni scultori russi dell'epoca: Feodosij Sòedrin, Stepan Pimenov, Ivan Terebenev e Vasilij Demut-Malinovskij.

San Pietroburgo è la seconda città della Russia per dimensioni e popolazione, con circa 5 milioni di abitanti. Si può considerare la metropoli più a nord del mondo.

Abitanti: 5 197 114
Fondata : 1703
Fuso orario : UTC+4
Distretto federale : Nordoccidentale
Prefisso : (00 7) 812
Codice postale : 190000-199406
Nome antico : Petrogrado (1914-1924)
Nome antico : Leningrado (1924-1991)