Sfingi egizie

Dinanzi alla facciata principale dell'Accademia di Belle Arti nel 1832-1834 su progetto dell'architetto Konstantin Ton fu costruito uno scalo dalle linee classiche con panchine di granito decorate di grifoni, lampioni di bronzo messi sulle zampe di leone, e due sfingi egizie.

I grifoni, cosi come i lampioni, fu­rono fusi nel 1834. Per alcuni decenni essi servirono ad ornare lo scalo di granito, ma all'inizio del XX secolo sparirono in circostanze poco chiare. Un'antica litografia che recava l'im­magine dello scalo a metà del XIX se­colo ha permesso ai restauratori so­vietici di rifare i grifoni. Dal 1959 essi sono di nuovo «al posto di guardia» sul gradini in granito.

Le sfingi sono scolpite di granito rosa estratto nelle famose cave di Assuan. Le loro iscrizioni geroglifiche magnificano il faraone Amenhotep III vissuto nel 1455-1419 a.C. il cui palazzo erano state poste a vigilare. Una delle scritte dice: «Figlio di Ra, Amenhotep, sovrano di Tebe, costruttore di monumenti che s'innalzavano fino al cielo, simili a quattro pilastri su cui poggia la volta celeste». La Russia acquistò le sfingi dall'Egitto nel 1831.

Probabilmente le sfingi hanno una somiglianza con il faraone nei tratti dei volti, anche se tutti i faraoni della medesima dinastia si somigliavano, in quanto, secondo la tradizione, sposavano le loro sorelle, per cui «il fondo genetico» della dinastia non era molto vario. L’immagine del faraone sotto forma di sfinge indicava simbolica-mente che il sovrano d'Egitto univa la saggezza dell'uomo alla forza e all'agilità del leone.

San Pietroburgo è la seconda città della Russia per dimensioni e popolazione, con circa 5 milioni di abitanti. Si può considerare la metropoli più a nord del mondo.

Abitanti: 5 197 114
Fondata : 1703
Fuso orario : UTC+4
Distretto federale : Nordoccidentale
Prefisso : (00 7) 812
Codice postale : 190000-199406
Nome antico : Petrogrado (1914-1924)
Nome antico : Leningrado (1924-1991)