Viale delle fontane

Lungo il Canale Marino su progetto di Pietro il Grande furono allestiti dei graticolati con nicchie nelle quali si prevedeva d’installare 22 fontane il cui aspetto scultoreo doveva ricordare i soggetti delle favole di Esopo.

Il contenuto edificante delle favole ben si legava agli avvenimenti della Guerra nordica.

Nel 1723 nelle nicchie semicircolari comparvero I due serpenti, La montagna che partorisce il topolino, La gallina e il nibbio, Il serpente che roda l’incudine. Ogni fontana aveva un’apposita targhetta con una scritta che spiegava il soggetto rappresentato. Tuttavia, l’anno seguente Pietro il Grande decise che le rimanenti fontane avessero l’aspetto di vasi con coppe piane. Con gli anni i vasi divennero vetusti, e furono tolti nel 1854-1860 insieme alle sculture delle fontane a soggetto. I 14 bacini meridionali, situati su entrambi i lati del Canale marino, furono ricoperti con marmo di Carrara dai maestri dell’officina per la sfaccettatura di Peterhof. Soltanto le forme complesse degli 8 bacini di pietra, vicini alla chiusa ricordano le fontane barocche di un tempo.

I potenti zampilli che se levano dai bacini formano un inusuale colonnato che porta alla cascate principale di Peterhof.

San Pietroburgo è la seconda città della Russia per dimensioni e popolazione, con circa 5 milioni di abitanti. Si può considerare la metropoli più a nord del mondo.

Abitanti: 5 197 114
Fondata : 1703
Fuso orario : UTC+4
Distretto federale : Nordoccidentale
Prefisso : (00 7) 812
Codice postale : 190000-199406
Nome antico : Petrogrado (1914-1924)
Nome antico : Leningrado (1924-1991)